SEI IN > VIVERE LUCCA > CRONACA
articolo

Evasione fiscale: sequestro di beni per circa 900.000 euro

2' di lettura
12

I militari del Comando Provinciale di Lucca, su disposizione del G.I.P. del locale Tribunale, hanno dato esecuzione a un decreto di sequestro preventivo, anche per equivalente, finalizzato alla confisca nei confronti di una società operante nel settore della fabbricazione di macchine per l’industria della carta e del suo rappresentante legale, all’esito di accurate investigazioni in materia di reati tributari.

L’indagine si è sviluppata a partire da alcuni accertamenti effettuati dalla locale Agenzia delle Entrate nei confronti del legale rappresentante di una società operante nell’indotto del distretto industriale cartario, per anomalie in merito alle dichiarazioni annuali come sostituto d'imposta. All’esito degli accertamenti eseguiti veniva, infatti, rilevata la configurazione dell’illecito penale di cui all’art. 10 bis del D.Lgs. n. 74/2000, per cui veniva interessata l’Autorità Giudiziaria che assumeva la direzione delle attività.

I successivi approfondimenti e le conseguenti attività di indagine, demandate dall’autorità giudiziaria alle Fiamme Gialle del Gruppo di Lucca, consentivano di avvalorare le ipotesi già delineate in ordine alla totale mancanza di versamenti delle ritenute IRPEF, cosa che la società, in qualità di sostituto d’imposta, era obbligata, per legge, ad effettuare.

Pertanto, avendo riscontrato complessivamente, per soli due anni d’imposta, circa 900.000 euro di ritenute non versate, i militari della Guardia di Finanza di Lucca procedevano a fornire tutti gli elementi necessari a sostegno del citato reato tributario, ampliando il patrimonio conoscitivo anche sulle capacità patrimoniali, al fine di consentire al Pubblico Ministero di valutare se richiedere, al G.I.P., l’adozione di una misura cautelare reale per un valore pari all’illecito profitto.

Il G.I.P. di Lucca, ritenendo validi gli elementi raccolti compendiati nella richiesta del P.M., ha quindi emesso il decreto, con cui ha disposto il sequestro di valori nella disponibilità della società e, quindi, del rappresentante legale, che è stato eseguito in questi giorni dai finanzieri, con l’apprensione di disponibilità liquide per circa € 640.000 e di due immobili rientranti nella disponibilità del rappresentante legale per un valore complessivo di oltre 230.000 euro.

Si tratta dell’ennesima operazione eseguita, da inizio anno, dalla Guardia di Finanza in sinergia con la Procura della Repubblica e l’Agenzia delle Entrate anche alla luce di un protocollo d’intesa in atto, a testimonianza del concreto impegno nell’azione di contrasto all’evasione fiscale.



Questo è un articolo pubblicato il 29-05-2024 alle 09:53 sul giornale del 30 maggio 2024 - 12 letture






qrcode