SEI IN > VIVERE LUCCA > CRONACA
articolo

Esercizio abusivo dell'attività di compro oro. Denunciati il presidente di una onlus e il socio di una società commerciale

2' di lettura
62

I finanzieri del Comando Provinciale di Lucca, nell’ambito del costante monitoraggio delle operazioni maggiormente esposte al rischio di evasione fiscale e riciclaggio e a seguito dell’approfondimento di alcune aggiudicazioni di preziosi in oro avvenute nel corso di aste pubbliche online indette dall’Istituto Vendite Giudiziarie di Lucca, hanno individuato due persone che, dietro lo schermo di un’associazione senza scopo di lucro e una società a responsabilità limitata, ponevano in essere un vero e proprio commercio non autorizzato di gioielli per utilità esclusivamente personali, mediante l’utilizzo di fondi nella loro disponibilità in forza degli incarichi rivestiti all’interno della predetta associazione e società.

In particolare, i riscontri effettuati dai militari del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria alla sede hanno fatto emergere un collaudato sistema illecito posto in essere da un soggetto di origine campane, gravato da diversi precedenti di polizia, con la complicità della sua compagna.

Attraverso mirate indagini e l’analisi delle movimentazioni bancarie è stato accertato che i due indagati avevano, in realtà, partecipato a diverse aste giudiziarie su tutto il territorio nazionale, aggiudicandosi ben 83 lotti di preziosi per un importo complessivo di 546.228,50 euro, configurando il reato di esercizio abusivo dell’attività di compravendita di oro.

Al termine delle attività investigative, i due indagati, in concorso tra di loro, sono stati denunciati alla competente A.G. per i reati di cui agli artt. 8 del D. Lgs. 92/2017 e 4, c. 1, della Legge 7/2000 per avere svolto, in via professionale, l’esercizio del commercio di oro senza averne dato preventiva comunicazione all’Ufficio Italiano Cambi e senza essere iscritti nel registro degli O.A.M. (Organismo competente in via esclusiva ed autonoma per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi).

L’azione delle Fiamme Gialle lucchesi testimonia, ancora una volta, lo sforzo continuo volto al contrasto ad ogni tipo di illegalità economico-finanziaria, con particolare riferimento all’evasione e al riciclaggio, che costituisce un grave ostacolo allo sviluppo economico, distorcendo la leale concorrenza tra imprese e penalizzando quelle sane a vantaggio di quelle illegali.





Questo è un articolo pubblicato il 28-02-2024 alle 09:55 sul giornale del 29 febbraio 2024 - 62 letture






qrcode