SEI IN > VIVERE LUCCA > CRONACA
articolo

Bancarotta fraudolenta, autoriciclaggio e reati tributari: sequestri in Piemonte e Lombardia, per circa 1,3 milioni di euro

3' di lettura
24

I militari del Nucleo di Polizia Economico - Finanziaria di Pistoia hanno eseguito un provvedimento di sequestro preventivo, in forma diretta e per equivalente, emesso dal G.I.P. del Tribunale di Pistoia, su richiesta della Procura della Repubblica di Pistoia, nei confronti di 3 persone fisiche ritenute responsabili di delitti tributari (sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte), bancarotta fraudolenta ed autoriciclaggio.

Sono così stati sequestrati e recuperati, a favore dei creditori e dell’Erario (quindi della collettività), somme di denaro e beni per un valore complessivo di oltre € 1.288.000.

In dettaglio, i sequestri hanno riguardato 19 unità immobiliari (6 abitazioni, 10 locali autorimessa e 3 magazzini ubicati nelle province di Milano e di Verbania), 1 terreno (in provincia di Verbania), 4 autoveicoli e quote societarie, nonché i saldi attivi di 7 rapporti bancari.

Le indagini, condotte dalla Sezione di Polizia Giudiziaria - aliquota Guardia di Finanza presso la Procura della Repubblica di Pistoia, hanno consentito di ricostruire le articolate vicende economiche e societarie, che avevano condotto al fallimento, nel luglio 2018, un’impresa pistoiese, già attiva nella produzione e nel commercio di biancheria per la casa.

Allo stato del procedimento, e fatte salve le successive valutazioni in merito all'effettivo e definitivo accertamento delle responsabilità, sulla base degli elementi di prova sinora raccolti e secondo l’ipotesi vagliata dal Giudice nel provvedimento di sequestro, è emerso che gli amministratori di diritto e di fatto avrebbero depauperato il patrimonio dell’azienda omettendo di riscuotere consistenti crediti societari ed effettuando ingenti forniture di merce – a favore di altre imprese collegate, estere con sede in Gran Bretagna e negli U.S.A., costituite anche ricorrendo a società fiduciarie – senza riceverne il corrispettivo.

L’intento di questa serie di operazioni sarebbe stato anche quello di rendere infruttuose le procedure coattive di riscossione delle imposte non versate dall’azienda, che aveva accumulato cartelle esattoriali, relative al periodo 2009/2016, per centinaia di migliaia di euro, e di ostacolare concretamente l’identificazione della provenienza delittuosa dei beni reimpiegati nelle altre imprese coinvolte.

Nel segnalare che, come precisa la Procura delle Repubblica, le ipotesi investigative sopra sintetizzate sono state formulate nel rispetto del principio della presunzione d’innocenza delle 3 persone sottoposte ad indagini e che la responsabilità delle stesse sarà definitivamente accertata solo ove intervenga sentenza irrevocabile di condanna, si evidenzia che le indagini sono state affidate dalla Magistratura alla Guardia di Finanza, in virtù della competenza generale del Corpo in materia economico-finanziaria.

L’operazione costituisce ulteriore e concreta testimonianza del costante impegno del Corpo nel contrasto ai comportamenti illeciti che generano – ostacolando lo sviluppo economico, poiché distorcono la concorrenza, e sottraendo allo Stato preziose risorse, che devono, invece, essere dedicate agli interventi a favore delle fasce sociali più deboli – sperequazioni e diseguaglianze, sia tra i cittadini, che tra le imprese, a tutela degli imprenditori e dei contribuenti rispettosi delle leggi.



Questo è un articolo pubblicato il 07-08-2023 alle 12:38 sul giornale del 08 agosto 2023 - 24 letture






qrcode