SEI IN > VIVERE LUCCA > CRONACA
articolo

Potenziamento dei controlli estivi: scoperti 18 lavoratori in nero o irregolari

2' di lettura
32

I militari del Comando Provinciale di Lucca, in considerazione dell’incremento dei flussi turistici per la stagione estiva e la presenza di eventi ad alto livello attrattivo, hanno intensificato i controlli a tutela della legalità economica e delle imprese oneste, all’esito dei quali sono stati individuati 18 lavoratori irregolari, ovvero completamente “in nero”.

Nello specifico, il Gruppo di Lucca ha pianificato plurime e mirate attività ispettive che - nel tenere conto anche delle informazioni raccolte nel corso del meticoloso controllo economico del territorio - hanno permesso di individuare bar e ristoranti, prevalentemente nella città di Lucca, con specifici alert di rischio. In particolare, le Fiamme Gialle, intervenute presso un ristorante lucchese, gestito da un soggetto di etnia cinese, hanno intervistato tutti i dipendenti e uno di essi è risultato privo di regolare contratto. Allo stesso modo, presso un bar del centro cittadino (anch’esso gestito da soggetti cinesi), a seguito della documentazione acquisita e grazie alle dichiarazioni rilasciate dai dipendenti, è stata accertata, in un caso, la mancanza della preventiva comunicazione di instaurazione del rapporto di lavoro (modello Unilav).

Ai titolari delle attività controllate sono stati, pertanto, elevati appositi verbali di accertamento e notificazione per la successiva irrogazione di una sanzione amministrativa (che potrà arrivare fino a 10.800 euro per ciascun lavoratore “in nero”) da parte dell’Ufficio competente. Inoltre, con l’intensificazione dei servizi della specie si è continuato a presidiare anche gli altri settori economici più rilevanti della provincia, selezionando (con le medesime modalità) e sottoponendo a controllo soggetti commerciali operanti nell’indotto del distretto industriale del cartario.

All’esito di tali attività sono stati riscontrati, complessivamente, 16 lavoratori irregolari, in quanto sono risultati non aver goduto delle ferie spettanti, ovvero risultavano aver effettuato un numero di ore di lavoro straordinario ben superiore al limite massimo previsto dalla normativa e dalla contrattazione collettiva applicata. I rispettivi datori di lavoro (nello specifico 3) sono stati oggetto di apposite verbalizzazioni per le irregolarità riscontrate e i relativi atti sono stati trasmessi agli uffici previdenziali per le conseguenti contestazioni.Le operazioni della Guardia di Finanza proseguiranno per tutta l’estate e in tutta la provincia e testimoniano il costante impegno del Corpo nell’attività di contrasto al lavoro nero e/o irregolare e a tutte le connesse manifestazioni di illegalità. Il lavoro nero è una piaga per l’intero sistema economico perché sottrae risorse all’erario, mina gli interessi dei lavoratori e consente una competizione sleale con le imprese oneste.



Questo è un articolo pubblicato il 18-07-2023 alle 10:18 sul giornale del 19 luglio 2023 - 32 letture






qrcode