SEI IN > VIVERE LUCCA > CRONACA
comunicato stampa

Contrasto al gioco illegale, scoperta evasione su apparecchi irregolari pari a circa 200mila euro

1' di lettura
70

I finanzieri del Comando Provinciale di Lucca stanno intensificando i controlli al fine di contrastare il gioco illegale e irregolare. Le ispezioni finora effettuate hanno riguardato diverse attività commerciali della provincia di Lucca, selezionate dopo una mirata attività di approfondimento volta a intercettare i soggetti a più altro rischio di irregolarità.

Tra le attività ispettive anche quella condotta dalle Fiamme Gialle viareggine nei confronti di un operatore commerciale a cui erano stati sequestrati amministrativamente tre apparecchi videoterminali non a norma, composti da personal computer (c.d. “totem”) collegati alla rete internet e a due gettoniere/lettori banconote. Infatti, gli apparati informatici non rispettavano le caratteristiche previste dalla normativa per l’offerta di gioco, in quanto non connessi alla rete telematica autorizzata dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli.

In particolare, attraverso questi mezzi informatici, era possibile, dietro pagamento di denaro, fare giocate on line su siti privi di certificazione che sfuggivano, tra l’altro, anche all’assoggettamento all’imposta unica, ossia il tributo che grava sui “titolari” degli apparecchi e dei congegni da divertimento e che viene commisurato sulle somme “giocate” e registrate nei relativi contatori.

Pertanto, dopo le perizie da parte della SOGEI che accertava l’effettiva irregolarità dei software installati sin dal 2019, gli investigatori hanno ricostruito e segnalato alla competente Autorità amministrativa l’evasione dell’imposta unica su tali apparecchi di intrattenimento, quantificata in 185.700 di euro, calcolata sulla base dei giorni di effettiva attività dell’esercizio commerciale (che come detto andava avanti dal 2019).

Nei confronti del titolare dell’attività commerciale era stato già fatto un verbale di contestazione e accertamento con una sanzione amministrativa pecuniaria da € 5.000,00 a 50.000,00 per ciascun apparecchio.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-07-2023 alle 10:43 sul giornale del 15 luglio 2023 - 70 letture






qrcode