Sequestrati oltre 100.000 euro in capo a una società operante nel settore dell’edilizia per l’utilizzo di crediti d’imposta inesistenti connessi al consumo di gasolio

2' di lettura 25/10/2022 - I militari del Comando Provinciale di Lucca hanno dato esecuzione a un decreto di sequestro preventivo, anche per equivalente, per oltre 100.000 euro emesso dal G.I.P. del locale Tribunale nei confronti di una società attiva nel settore dell’edilizia e dei suoi amministratori, all’esito di accurate investigazioni in materia di indebite compensazioni di crediti d’imposta.

L’attività trae origine da un’articolata indagine condotta dai militari del Gruppo di Lucca, delegata dalla Procura della Repubblica per verificare la reale sussistenza di crediti d’imposta relativi al consumo di gasolio per autotrazione utilizzati in compensazione per assolvere al pagamento di oneri fiscali, assicurativi e contributivi.

Le attività info-investigative condotte dai militari delle Fiamme Gialle hanno permesso di appurare che, da febbraio a ottobre 2021, la società ha effettivamente portato in compensazione tali crediti connessi al presunto consumo di gasolio per autotrazione, ma che gli stessi sono da considerarsi inesistenti E’ stato, infatti, riscontrato, grazie anche all’Agenzia delle Dogane, che la società in questione non risultava aver mai presentato all’Ufficio competente istanze per il riconoscimento di siffatti benefici fiscali. Pertanto, in assenza di dette dichiarazioni, la società non poteva aver maturato i relativi crediti d’imposta poi indebitamente utilizzati in compensazione di debiti erariali, in violazione dell’art. 10-quater del D.Lgs. n. 74/2000.

Alla luce delle evidenze investigative raccolte, il G.I.P. presso il Tribunale di Lucca, accogliendo la richiesta avanzata dal Pubblico Ministero titolare delle indagini, ha così emesso il citato decreto di sequestro preventivo, anche per equivalente, finalizzato alla confisca a carico della società e dei due amministratori (unico e di fatto) della medesima, che è stato eseguito in questi giorni dalla Fiamme Gialle, sottoponendo a vincolo cautelare disponibilità bancarie, un autocarro del valore di oltre € 40.000 e un motociclo di quasi € 5.000.

L’operazione della Guardia di Finanza è ulteriore testimonianza dell’impegno del Corpo nell’azione di contrasto ai fenomeni illeciti economici e finanziari più gravi e insidiosi, integrando le funzioni di polizia economico-finanziaria con quelle di polizia giudiziaria e garantendo il perseguimento degli obiettivi di aggressione dei patrimoni dei soggetti che si sono indebitamente arricchiti.








Questo è un articolo pubblicato il 25-10-2022 alle 10:07 sul giornale del 26 ottobre 2022 - 34 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dx0B





logoEV
qrcode